Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Un anno dopo è ancora sfida Venezia-Parma. Ma in ballo ci sono i play off

Un anno dopo è ancora sfida Venezia-Parma. Ma in ballo ci sono i play offTUTTO mercato WEB
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com
venerdì 23 febbraio 2018, 06:152018
di Tommaso Maschio

Un anno dopo è ancora sfida fra Venezia e Parma. Se lo scorso anno le due squadre erano in lotta per il primo posto del Girone B di Lega Pro, oggi la posta in palio è l'accesso ai play off per un'altra promozione come quella in massima serie. Anche allora sulle due panchine sedevano rispettivamente Filippo Inzaghi e Roberto D'Aversa anche se la posizione del tecnico ducale era ben diversa rispetto a quella attuale. Allora infatti D'Aversa era alla guida della squadra da poco più di due mesi, chiamato per sostituire Luigi Apolloni e tentare la rimonta sui lagunari, poi non riuscita visti i 10 punti di distacco al termine della stagione, per accedere direttamente alla serie superiore, oggi il tecnico è invece sulla graticola a causa di qualche passaggio a vuoto che ha fatto scivolare momentaneamente il Parma ai piedi dalla zona play off, ma comunque dentro se il campionato finisse oggi.

L'allenatore ducale ha spiegato in conferenza stampa di essersi ormai abituato alle voci sul suo futuro, che vanno avanti da tempo, e ribadito di aver incassato la fiducia della società, anche se un nuovo scivolone contro il Venezia potrebbe complicare le cose. Dall'altra parte c'è invece un Inzaghi che sembra aver trovato la propria strada, dopo un inizio di carriera al Milan dove ha rischiato di bruciarsi, e un ambiente perfetto dove mostrare le proprie qualità e le proprie idee tattiche ottenendo risultati e complimenti quasi unanimi. Il suo futuro è però incerto sia per gli interessi di alcune squadre più importanti, sia perché il diretto interessato vuole progetti chiari dalla dirigenza prima di decidere se continuare o meno anche nella prossima stagione in laguna.